Gli Spettacoli

ABISSI CLANDESTINI


Categoria: Spettacoli della memoria


VIDEO PROMO
VIDEO INTEGRALE

Interpretazione di teatro, musica e danza per informazione e sensibilizzazione sulla problematica degli sbarchi clandestini e sulla tragedia dei naufragi dei clandestini davanti alle coste italiane.

di e con Irene Paoletti e Emanuele Bocci
e la partecipazione delle danzatrici Elisa Bartoli e Laura Scudella

La notte di Natale del 1996 nel canale di Sicilia è avvenuto uno dei più grandi naufragi della storia del
Mediterraneo dalla fine della seconda guerra mondiale, il famoso naufragio di Portopalo.
Nel tentativo di sbarcare
nel nostro paese, circa trecento clandestini di origine
pakistana, indiana e tamil, muoiono per l'affondamento di una carretta del mare.
Il fatto passa quasi
completamente sotto silenzio.
Questo spettacolo vuole dare voce a queste realtà sopite nel silenzio, attraverso la diffusione della conoscenza di
testi, autori, giornalisti, poeti e cantautori che hanno il coraggio di parlare, di cantare di rievocare il dolore legato a tragedie di questo tipo.
Uno di questi artisti è Emanuele Bocci che interpretando dal vivo la sua canzone “Senza vedere” e altri brani da lui
interamente composti restituisce memoria ai fantasmi di Portopalo.
Le danzatrici Elisa Bartoli e Laura Scudella rendono attraverso la danza contemporanea alcuni momenti di viaggio dei clandestini così come ci arrivano direttamente dalle loro
testimonianze, fino a rendere il dolore e l'impotenza di fronte al loro lento e lucido
inabissamento.
L'attrice Irene Paoletti accompagna in questo percorso profondo passando attraverso
l'interpretazione di scene, situazioni e personaggi che hanno caratterizzato lo
svolgimento di questa storia: cosa succede nelle case degli italiani nei giorni di Natale
del 1996? Come vive la sua partenza verso l'Italia un ragazzo tamil di diciotto anni che
fugge dalla persecuzione etnica? Perché e quando i pescatori di Portopalo iniziano a
tirare su fantasmi nelle proprie reti? Che cos'è un fantasma?

Cronaca, racconti, versi poetici e momenti musicali lirici suggestivi e evocativi, per

stimolare lo sviluppo della memoria e di una coscienza critica su questo nostro attualissimo tema.


Files disponibili: